Al Jazeera lancia il primo video archivio disponibile con licenza Creative Commons BY

Al Jazeera oggi ha fatto un altro importante passo in quella che e’ diventata in pochi giorni una delle piu’ sofisticate e capaci operazioni di approccio “new media” al conflitto in corso a

giorni in cui ha tenuto un attivissimo canale via Twitter di micro updates da Gaza e disseminato video su You Tube, la Tv del Qatar fa la mossa successiva. La provocazione delle provocazioni, visto che si tratta di un broadcaster. E cosa c’e’ di piu’ prezioso per un broadcaster, se non il suo archivio, il materiale che produce, i contenuti su cui investe?Il core business di una rete TV e’ la produzione e la vendita di immagini, almeno cosi’ era fino a poco tempo fa. Al Jazeera lancia http://cc.aljazeera.net/ il primo archivio di immagini online di qualita’ broadcast accessibile a tutti gratuitamente, persino a scopi commerciali. Un blogger, un filmaker, un giornalista, un’universita’ e persino una rete televisiva avversaria, potra’ accedere a questo footage,rimanipolarlo, rieditarlo, rivenderlo persino, con l’unico obbligo di citare la fonte.  Questo e’ quanto recita la licenza BY, l’attribuzione, la piu’ permissiva licenza disponibile fra quelle ideate da Creative Commons. Un passo molto importante per una concezione diversa del giornalismo, per un suo allargamento in direzione della partecipazione, della rimanipolazione, del cut up.

Al Jazeera sa bene che, in un momento come questo, sulla crisi di Gaza c’e’ anche una crisi informativa, poco accesso ai media, e le poche fonti accessibili sono soprattutto in arabo. Mettendo in circolo le sue immagini, Al Jazeera attivera’ l’esercito di traduttori volontari, quelli che scrivono Wikipedia, che passano ore al computer a discutere articoli e traduzioni. Allertera’ le centinaia di migliaia di blogger che in giro per il mondo postano su quello che sta succendendo. Svegliera’ gli appassionati del filesharing, che per una volta potranno farlo in maniera assolutamente legale.

E forse anche qualche Tv si interessera’ a questo footage e, perche’ no, lo usera’ per programmi, documentari, approfondimenti.

Il circolo virtuoso creato da Al Jazeera potenzialmente e’ infinito.

Rimane una cosa, aldila’ del significato politico, che per ora lasceremo da parte. Con questa mossa, la TV del Qatar dimostra di essere all’avanguardia, persino nel discorso new media. Dimostra di essere in continua tensione con se stessa, di avere voglia di superarsi e di non riposare sugli allori, di andare oltre quella scuola di giornalismo -professionale eppure tradizionale nell’impostazione- che pure e’ stata lei stessa a creare nel mondo arabo.

Tralasciando il discorso politico, e rimanendo su un piano strettamente mediatico, tanto di cappello, quindi, a una rete che si comporta meglio di tutti i servizi pubblici del mondo. All’obiezione che gia’ mi sento fare da parecchi – e cioe’ che tanto Al Jazeera i soldi “ce li ha” percio’ si permette queste “stravaganze” gratuite- rispondo si, ce li ha, ma avrebbe potuto usarli in altro modo. In fondo, se ci pensate bene, quanto costa fare un sito come quello che oggi ha fatto Al Jazeera? Quanti costi aggiuntivi comporta per una rete, che gia’ ha investito nel suo core business -cioe’ produrre quei video, mandare i corrispondenti, pagargli stipendi, assicurazioni, etc- mettere online quegli stessi video? Costi aggiuntivi pari a zero. Non si tratta di soldi, si tratta di osare. Al Jazeera si e’ giocata la carta del brand image, quella del ritorno economico sul lungo periodo. Vedremo se avra’ ragione

ora, comunque, e’ l’unica TV di cui si parla, persino negli Usa, sul piano di copertura new media della guerra a Gaza. Ne ha parlato qualche giorno fa un bell’articolo dell’International Herald Tribune.

Vorrei aggiungere una nota personale: sono sicura che molti penseranno che Al Jazeera tira fuori l’archivio su licenza Creative Commons guarda caso proprio ora che c’e’ la guerra a Gaza. Una mossa politica, piu’ che mediatica. Per sfatare questa supposizione, ci tengo a dire che dal maggio 2008 sto lavorando, per conto di Creative Commons, a vari accordi nella Regione araba per la diffusione delle licenze soprattutto nel settore media. Al Jazeera e’ la prima Tv araba che ha risposto all’appello, e sono molti mesi che stavamo studiando questo sito, frutto di un lavoro e di accordi in corso da molto prima della crisi di Gaza. Il sito, nel futuro, ospitera’ altro footage, oltre a quello ora : urgente per evidenti ragioni, giornalistiche prima che politiche.

Inoltre, il team di New Media che ha lavorato a questo sito, capeggiato dal sudafricano Mohamed Nanabhay, e’ composto di giovani sotto i trent’anni, espertissimi di tutte le tecnologie piu’ moderne. Da tempo studiavano le innumerevoli possibilita’ della Rete. Si tratta di semplice Ricerca e Sviluppo. Al Jazeera aveva investito in un settore, e adesso sta raccogliendo dei frutti.

Spero che in Italia, come nel resto del mondo, queste immagini servano a blogger, videomaker, giornalisti, televisioni e anche semplici cittadini, per capire cosa sta succedendo a Gaza e, anche, piu’ in generale, per avere un’idea di come potrebbe essere l’informazione del futuro. E speriamo che altri esempi di TV seguiranno ad Al Jazeera, magari stavolta europee, inshallah.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s