“Occupy” the commons- Rome on Al Jazeera English

This is my latest published on Al Jazeera English and one of the few articles I have written on my own lovely country…

Everybody thinks we are pretty much the country of pizza, mafia, and Berlusconi, so if this piece can help shed a different light on Italy that would be already a good result. Italy is such a complex country. I hope I have succeeded in explaining the difference between legality and legitimacy in this new wave of occupations which is quite key, in my view, to understand the phenomenon.

 

“OCCUPY” THE COMMONS

 
A new wave of occupations redefines citizenship and political participation in Italy, as elections fast approach.
Last Modified: 20 Feb 2013 08:55

Teatro Valle, the 18th century theatre occupied since June 2011, has paved way to the citizens’ movements and inspired similar occupations and grassroots campaigns all over Italy [Photo courtesy: Teatro Valle Occupato]
 

 
Eight months ago, Scup (Sport e Cultura Popolare) as the space has been renamed, was occupied, cleaned up and brought back to life by a mixed group of young activists, sport instructors and some residents of the neighbourhood. They were outraged by the lack of public spaces for leisure and sport activities in an area that has become more and more gentrified while rental prices have soared.

In Italy, the public sector downsizing has resulted not only in cutting public funds for culture, instruction and health care, but has also pushed speculation in the real estate market to grow. It has helped shady private firms to acquire under-priced properties that the government needs to sell for quick cash.

“Occupying is an expression of public outrage,” says Carlo, a young activist born in the neighbourhood who, a few days ago, re-occupied Scup for the second time, after the police had cleared the area in an attempt to discourage the occupiers.

In an act of ongoing defiance, Carlo and the neighbourhood residents regained control of the space, asking once more to stop speculating on public buildings, demanding the government to provide basic public services, such as gyms and kindergartens at affordable prices.

Housing also represents a dramatic problem in this neighbourhood and generally speaking, in the city of Rome, which is filled up with publicly-owned buildings – either dismissed or abandoned.

Many of them have been occupied by low-income families in need of a place to live. A few miles away from Scup, since 2004, 80 families have (illegally) taken control of a fairly central building, close to the historical church of San Giovanni.

On several occasions, the local government has ended up formalising such housing occupations and granting former occupiers the right to stay. In the case of Cinema Palazzo, an occupied movie theatre which was about to be converted into a casino before being taken over by an outraged crowd of students and local residents, the court ruled that the occupation serves the goals of a broader collectivity and not private interests. So, the occupiers continue staying there, running cultural activities and workshops for the families of the neighbourhood, while the speculation project has been put on hold.

 

“Occupying is an expression of public outrage.”                           – Carlo, a young activist

For those who are not familiar with Italian politics, the fact that an illegal act – such as an occupation – can be recognised by a court as legitimate might look odd, at the least.

Yet, caught in a wave of neoliberalism and committed to dismantling the welfare state apparatus, mainstream politics in the country has often failed to protect rights that are granted by the Constitution, such as the right to proper housing.

This has left a huge void that social and political experiments – such as the new wave of occupations – are trying to fill in the name of constitutional legitimacy.

A new generation of occupations 

Currently, the city of Rome alone counts hundreds of housing occupations and dismissed buildings that have been occupied and converted into centres for cultural activities or youth places.

The oldest ones, with a clear militant orientation, have existed for decades. While some of them have been living under a permanent threat of being cleared by the police, others have been legalised and are paying a rent to the municipality, albeit within a scheme of controlled prices.

Some others are just tolerated by the local authorities – whether right or left-wing oriented – in a sort of “live and let live” philosophy.

But new occupations, such as Scup or Cinema Palazzo, wish neither to be institutionalised nor just to survive by being ignored or forgotten by the local government.

They firmly denounce the lack of social services in town, at the same time claiming for their legitimate rights, as citizens and taxpayers, to get health assistance, children care and infrastructure for leisure at affordable prices.

Valeria and Chiara, among the students who are occupying Cinema Palazzo, explain that “occupied places do not aim at offering services to the citizenry, but at showing them how knowledge can be built in a co-operative way”.

This attempt of creating spaces for peer-production distinguishes all the newly occupied places, aiming at establishing open workshops where people can experiment different ways of doing politics together.

It is a new attitude towards pro-active citizenship – in sharp contrast with the idea that political representation, obtained through the voting process, can alone defend citizens’ rights. Yet this idea, in the past years, has resulted in emptying politics from any participatory meaning and turning Italian youth away from it.

But now, many seem to have realised that pro-active citizenship is the only way to hold politicians accountable and directly claim their citizen rights.

“This is a new wave of occupation,” Carlo from Scup notices. “They are initiated not only by activists. Citizens themselves help a great deal, together with the workers of a given sector which has been downsized, for example, culture, sport, health care… It is a much broader phenomenon with a potentially wider impact.”

Cinema America, the brand new occupation in town, symbolises this new attitude of opposing speculation and defending public goods across generations and social backgrounds – by linking activists, workers and local residents.

In the neighbourhood of Trastevere, a movie theatre – designed by renowned architect Di Castro – which was to give way to a three-storeyed parking lot and luxury apartments has been turned by young students into a multi-cultural centre, offering film screenings for children, theatre classes and artistic workshops.

The place also hosts the neighbourhood’s public assemblies and has become a hang-out for all generations.

Recently, the efforts were rewarded, as Cinema America attracted the attention of a wider coalition of architects, actors and intellectuals who publicly stood by the occupation, emphasising its ultimate goal of preserving a public good.

“Nobody would expect us to keep this place so clean and tidy, and to be able to self-govern it. We are young, but responsible. It is politics that does not want us to grow up,” says Matteo, a 20-year-old who lives in Cinema America, maybe hinting at those government officials, from both the right and the left-wing, who have portrayed Italian youth as lazy, spoiled and even “choosy” when it comes to finding employment.

By taking over public places, the occupiers claim to have given them back to the citizens

[Courtesy: Teatro Valle Occupato] 

Fighting for the ‘commons’ 

The general outrage at the greed of private interests and the weakness of public sector that sells off common wealth with an excuse of efficiency and rationalisation, has also entered the healthcare category.

CTO Andrea Alesini hospital has been in permanent mobilisation since December 2012. An “occupy” tent and coloured protest signs are placed at its entrance, explaining the passersby how a section of the emergency has been shut down without any notice.

Other departments are threatened to follow the same fate, if not the entire hospital, one of the few in the Italian capital to be equipped with a helicopter landing for serious emergencies and well-known for its specialised orthopaedic surgeries.

The spending review, which the government wanted to be a process to rationalise public spending and make it more efficient, has in fact resulted in a blind downsizing that undermines public health and obliges citizens to look at alternative forms of assistance, such as private insurance companies.

This pattern is replicated in different sectors and this is why the employees of CTO hospital are joining the “occupy” movement in Rome – to host joint assemblies, to co-ordinate common actions to defend public services and to fight wild privatisation and speculation.

Teatro Valle, the 18th century theatre in the heart of Rome occupied since June 2011, has paved way to the citizens’ movements and inspired similar occupations and grassroots campaigns not only in Rome, but all over Italy, from Sicily to Milan.

The latest initiative from Teatro Valle Occupato is promoted in co-operation with law professor Stefano Rodota. The plan is to restore a former parliamentary committee that, in 2007, before the fall of Romano Prodi’s government, was in charge of drafting a law proposal to protect the “commons”, shared resources such as water, environment – “and now we have added the internet,” reminds Laura, an actress occupying Teatro Valle.

For the first time ever, this committee, composed of senior law experts, will work jointly with civil society. Public assemblies will be hosted in different occupied places, starting from the stunning historical location of Teatro Valle, which now runs different types of activities by volunteers and survives through people’s donations.

By taking over places like Teatro Valle, the occupiers claim to have given them back to the citizens. Paradoxically, this would be an act against legality, yet a legitimate one, since it is carried out in order to defend rights and principles granted by the Constitution.

Constitutional rights and political participation 

The Italian Constitution and constitutional rights are repeatedly invoked and quoted by the occupiers, even by the youngest at Cinema America.

The awareness of this new generation of occupiers vis-a-vis citizens’ rights and the respect they pay to constitutional duties, manifest in the way they fight speculation and try to defend the commons.

Against all odds, these youth will go to vote at the upcoming parliamentary and regional elections on February 24 and 25.

Trying to draw a different meaning of democracy, which goes further electing political representatives at the Parliament, the “occupy” movement seems not wanting to reject representative democracy as a whole. Instead, it tries to integrate the latter with new practices of direct democracy, where politics can be understood in a more pro-active way.

This is a unique opportunity for activists, students, workers, citizens as a whole to be politically creative and try to experiment a new idea of active citizenship.

Donatella Della Ratta is a PhD fellow at University of Copenhagen focusing her research on the Syrian TV industry.

Follow her on Twitter: @donatelladr

Advertisements

That 17 February of two years ago..

That 17 February of two years ago a spontaneous protest erupted in Hariqa, a crowded market in central Damascus, few minutes away from my house.

A hundred people gathered in front of the police station and shouted “The Syrian people won`t be humiliated”. The protest did not have a directly political nature; rather, it was a spontaneous expression of popular rage, for a man had been beaten by local police. The protesters asked for the excuses of the local authorities and, in fact, the police apparently apologized and the protest ended.

But this was just one of the many signals you could hear in town during those first months of 2011, following a general unrest that started in the Arab world since Mohamed Bouazizi had set himself on fire in December 2010.

The fact that nobody attended the “Syrian days of rage” on 4 and 5 February 2011, which had been organized by a Facebook group from outside Syria, only proved that protests cannot be staged from abroad if there is no genuine feeling amongst the local population.

So the Syrian days of rage protests went unattended.

Yet, genuine sparks of protests and unrest happened in Damascus in that very same month of February 2011, and nobody can claim they were managed or engineered from abroad. Whoever was there in Hariqa, that 17 February of two years ago, knows that this was a genuine feeling of anger; as much as whoever attended the sit-in in front of the Libyan Embassy in Damascus, few days after the Hariqa protest, knows that this was a sort of general rehearsal to express feelings that were directed at the Syrian regime, not at the Libyan one. And, in fact, on February 24th (the second day of the protest in front of the Libyan embassy) Syrian police crushed the sit-in and arrested many of the protesters.

All these “little” episodes happened in February 2011, which  seems so far away. Yet, maybe it is worth recalling them to our memory, especially now that the escalating violence and the increasing number of armed foreign fighters in Syria give a perfect excuse to those who claim  that Syrian revolution was never started by Syrians asking for their legitimate rights.

 

Con la rivoluzione, nonostante tutto..

Voglio ripubblicare qui il testo di Elias Khoury, apparso su Al Quds, tradotto splendidamente in italiano da Caterina Pinto e apparso su SiriaLibano: “Con la rivoluzione nonostante tutto”.

Non e` solo un testo poeticamente bellissimo. E` un testo politicamente chiaro. Ci ricorda che la rivoluzione siriana e` dei siriani, e` figlia del loro diritto ad autodeterminarsi, a credere nella dignita` e nella giustizia, e a non sottomettersi a un regime mafioso.

A chi giustifica Assad con la scusa del laicismo, della stabilita`, della “pace”; a chi lo ammira per il suo pugno di ferro, per la sua abilita` a stare in sella dopo quasi due anni di rivolta; a chi oscilla ed esita a prendere una posizione chiara proprio perche rapito dalla sua capacita` di non cadere, di mantenere il potere; Khoury ricorda che e` la violenza, la brutalita` che questo regime comprende, non la politica.

A chi insiste con la narrativa della cospirazione, due anni di cospirazione in cui il popolo siriano sarebbe stato unito con il suo leader contro le fabbricazioni occidentali e del Golfo, Khoury ricorda di chi e` sceso in piazza, di chi ha pagato con il sangue la voglia di liberta`..Gente come Ghiyat Matar, che distribuiva rose e acqua durante le manifestazioni (e il suo compagno fraterno Yahya Shurbaji e` ancora in galera, dall`Ottobre del 2011..dopo tante amnistie e scambi di prigionieri, gli attivisti pacifisti non vengono liberati, e c`e` da chiedersi perche` questo, se il regime veramente gode dell`appoggio incondizionato del suo popolo..).

Credo che i semplici, ma puntuali argomenti di Khoury (e anche le sue giuste critiche all`opposizione), servano a ricordarci tante cose che, dopo quasi due anni dall`inizio delle proteste in Siria e troppo lavaggio del cervello mediatico, ci siamo purtroppo dimenticati.

 

 

CON LA RIVOLUZIONE, NONOSTANTE TUTTO…

di Elias Khoury, traduzione di Caterina Pinto

Nonostante la frustrazione, nonostante la confusione politica in cui versa l’opposizione, nonostante l’assenza di coordinamento tra le unità dell’Esercito libero, nonostante la presenza della Jabhat al Nusra. Nonostante gli errori, le falle e le posizioni ambigue. Nonostante il rifiuto del mondo di sostenere il popolo siriano, nonostante il ritardo della risoluzione militare e lo scompiglio politico. Nonostante il fastidio delle dichiarazioni televisive. Nonostante tutto, sono con la rivoluzione siriana.

Speravo che il regime tirannico di Asad cadesse a Daraa, dinnanzi alla sacralità del sacrificio di Hamza al Khatib.
Speravo che i fiori di Ghiyath Matar e le bottiglie d’acqua che distribuiva ai soldati trionfassero e il regime cadesse senza perdite.
Speravo che il grido di Homs e le canzoni di Qashush e le decine di migliaia che hanno occupato le strade con le gole e le mani levate in segno di sfida pacifica bastassero.
Speravo che le armi non si sollevassero di fronte alle armi, e che la volontà popolare riuscisse a risvegliare le coscienze di coloro che non hanno coscienza e paralizzasse le loro mani prima che potessero fare fuoco.

Speravo, e spero ancora.

Ma il regime brutale, mafioso, piovresco che Asad padre ha costruito e che lasciato in eredità a suo figlio, ha deciso di affrontare il popolo fino alla fine.
“Asad o nessun altro”, “Asad o bruciamo il Paese”, “Asad per sempre”: sono questi gli slogan del regime tirannico che si è abituato a comportarsi come se la Siria fosse un regno beatificato nel suo nome. Gli aerei sono ovunque e l’omicidio è ovunque.

Il regime non ha altro obiettivo se non la sopravvivenza, il cui presupposto è l’umiliazione del popolo. Non è vero che l’obiettivo della repressione portata avanti dal regime a partire dallo scoppio della rivoluzione è abbrutire il popolo siriano e distruggere il tessuto sociale.

L’abbrutimento è iniziato nel momento in cui il potere è diventato un mostro senza senso, che si è separato con tutto il suo apparato repressivo dalla società e si è comportato come una forza di occupazione brutale e senza ritegno.
Quello cui assistiamo oggi è la generalizzazione di questo abbrutimento e il suo mutamento nell’unico mezzo per interagire con la società, affogando il popolo nel sangue e trasformando la costruzione in distruzione.

I discorsi su una soluzione politica della situazione siriana sono polvere e perdita di tempo. Perché questo regime non capisce la politica, se non come un gioco sul ciglio del baratro della morte. Elimina i suoi avversari politici, uccide i simboli della società, poi permette a chi rimane in vita di trarre la lezione, ovvero abituarsi a inchinarsi, a tacere e a obbedire.

In compenso, però, rivela grande professionalità a livello della politica estera, regionale e internazionale: si inchina, mercanteggia, vende e compra per tutelare la sua sopravvivenza. Abbatte un aereo turco, ma si piega di fronte all’aereo israeliano. Sostiene Hezbollah, ma non trasgredisce le intese sui confini sicuri tra Siria e Israele, si comporta da pecora o da tigre a seconda degli equilibri di forza. Ma la sua capacità di manovra regionale e internazionale dipende dalla misura in cui riesce a tirar completamente fuori la società siriana dall’equilibrio politico.

Quando i siriani hanno infranto il muro della paura e sono usciti dall’ampolla della repressione, il regime si è rivelato nella sua forma di mafia che parla soltanto la lingua del crimine. Perciò è evidente che qualsiasi discorso su una soluzione politica con il regime è una mera illusione e un appello alla fiacchezza e all’inazione. Perché esso non comprende la politica interna, se non nella sua forma di non politica, ovvero distaccando le persone dalla politica e riportandole alle catene della loro schiavitù.

La situazione in Siria è tragica e il dolore dei siriani ha superato la soglia di quanto è sopportabile, ma il presupposto per mettere fine alla tragedia è la caduta del regime. Qualunque altro discorso è mera illusione. Ècomprare un miraggio. Fino a quando la famiglia Asad rimarrà al potere, continuerà a fare il leone[1] con il popolo. Il presupposto del suo potere è l’annientamento della volontà della gente e non accetterà di dividerlo con nessuno. La mafia potrebbe arrivare a una soluzione in cui condivide l’autorità con un’altra mafia, ma non può fare un accordo con la legge e il diritto.

Il presupposto per mettere fine alla tragedia e alleviare la sofferenza è la caduta del regime, ma questo non vuol dire affatto che la rivoluzione non si impegni in politica, ovvero non faccia manovre, accumuli vittorie, e parli con un linguaggio logico che limita il regime degli assassini.

Questo non è un appello a negoziare con Asad: l’unico luogo per dialogare con il carnefice è il tribunale, dove il figlio e il signore del regime deve riconoscere i suoi crimini.
Ma è un appello a costruire una strategia di azione politica che limiti gli alleati del regime, e in particolare, il suo alleato russo che si è adoperato così intensamente a occultare i crimini, da esserne diventato complice.

E questo richiede all’opposizione di guarire da tre malattie.

La prima è la malattia del dubbio nei confronti di tutti. È una malattia che è venuta dall’epoca della tirannia, quando il regime è riuscito a far dubitare anche del proprio fratello. Questa malattia è mortale, perché reca la possibilità che l’opposizione diventi l’altra faccia del regime tirannico.

La seconda è la malattia del predominio. Il predominio, non il potere, perché la lotta è per l’illusione. Smettete di lottare per il predominio, per poter vincere la lotta per il potere con il regime.

La terza è la correzione del concetto di leadership, perché i leader non possono semplicemente vivere in Siria e partecipare alle preoccupazioni del popolo, ma devono anche essere capaci di assumere posizioni, condannare gli errori e correggere il tiro del fucile qualora si trasformi in uno strumento per azioni da shabbihae intimidazioni.

Nonostante tutto, tutti i siriani e tutti coloro che credono nel diritto del popolo siriano alla libertà devono essere uniti riguardo alla rivoluzione.

Non aspettate una soluzione dall’esterno, né il petrolio del Golfo, né le promesse dell’America, perché la rivoluzione siriana è più grande di chi la guarda come se mendicasse la vittoria e di chi non ha creduto un giorno nel diritto degli arabi a una vita dignitosa.

Il popolo siriano vincerà perché se lo è meritato con sacrifici enormi. E quando la Siria tornerà alle siriane e ai siriani, il Levante arabo intraprenderà il cammino per recuperare la sua voce e la sua presenza.


[1] Gioco di parole con Asad che vuol dire “leone” [N.d.T].

Three little Syrian video gems

Since the uprising started in Syria almost two years ago, an incredible amount of creative stuff has been coming out from the web.

Today I want to feature three of my favorite creative videos. Words just cannot describe these little video gems. Just watch them!

Ammar Al-Beik, The Sun`s incubator (2011)

 

Khaled Abdulwahed, Tuj (2012)

 

Yazeed Sayed, Point Zero (2013)

 

Aaron Swartz domani al Teatro Valle Occupato

Nel 2008, Aaron Swartz scriveva il Guerrilla Open Access Manifesto, proprio qui, nel nostro paese:

L’informazione è potere. Ma come con ogni tipo di potere, ci sono quelli che se ne vogliono impadronire. L’intero patrimonio scientifico e culturale, pubblicato nel corso dei secoli in libri e riviste, è sempre più digitalizzato e tenuto sotto chiave da una manciata di società private. Vuoi leggere le riviste che ospitano i più famosi risultati scientifici? Dovrai pagare enormi somme ad editori come Reed Elsevier.

C’è chi lotta per cambiare tutto questo. Il movimento Open Access ha combattuto valorosamente perché gli scienziati non cedano i loro diritti d’autore e che invece il loro lavoro sia pubblicato su Internet, a condizioni che consentano l’accesso a tutti. Ma anche nella migliore delle ipotesi, il loro lavoro varrà solo per le cose pubblicate in futuro. Tutto ciò che è stato pubblicato fino ad oggi sarà perduto.

Questo è un prezzo troppo alto da pagare. Forzare i ricercatori a pagare per leggere il lavoro dei loro colleghi? Scansionare intere biblioteche, ma consentire solo alla gente che lavora per Google di leggerne i libri? Fornire articoli scientifici alle università d’élite del Primo Mondo, ma non ai bambini del Sud del Mondo? Tutto ciò è oltraggioso ed inaccettabile.

“Sono d’accordo,” dicono in molti, “ma cosa possiamo fare? Le società detengono i diritti d’autore, guadagnano enormi somme di denaro facendo pagare l’accesso, ed è tutto perfettamente legale — non c’è niente che possiamo fare per fermarli”. Ma qualcosa che possiamo fare c’è, qualcosa che è già stato fatto: possiamo contrattaccare.

Tutti voi, che avete accesso a queste risorse, studenti, bibliotecari o scienziati, avete ricevuto un privilegio: potete nutrirvi al banchetto della conoscenza mentre il resto del mondo rimane chiuso fuori. Ma non dovete — anzi, moralmente, non potete — conservare questo privilegio solo per voi, avete il dovere di condividerlo con il mondo. Avete il dovere di scambiare le password con i colleghi e scaricare gli articoli per gli amici.

Tutti voi che siete stati chiusi fuori non starete a guardare, nel frattempo. Vi intrufulerete attraverso i buchi, scavalcherete le recinzioni, e libererete le informazioni che gli editori hanno chiuso e le condividerete con i vostri amici.

Ma tutte queste azioni sono condotte nella clandestinità oscura e nascosta. Sono chiamate “furto” o “pirateria”, come se condividere conoscenza fosse l’equivalente morale di saccheggiare una nave ed assassinarne l’equipaggio, ma condividere non è immorale — è un imperativo morale. Solo chi fosse accecato dall’avidità rifiuterebbe di concedere una copia ad un amico.

E le grandi multinazionali, ovviamente, sono accecate dall’avidità. Le stesse leggi a cui sono sottoposte richiedono che siano accecate dall’avidità — se così non fosse i loro azionisti si rivolterebbero. E i politici, corrotti dalle grandi aziende, le supportano approvando leggi che danno loro il potere esclusivo di decidere chi può fare copie.

Non c’è giustizia nel rispettare leggi ingiuste. È tempo di uscire allo scoperto e, nella grande tradizione della disobbedienza civile, dichiarare la nostra opposizione a questo furto privato della cultura pubblica.

Dobbiamo acquisire le informazioni, ovunque siano archiviate, farne copie e condividerle con il mondo. Dobbiamo prendere ciò che è fuori dal diritto d’autore e caricarlo su Internet Archive. Dobbiamo acquistare banche dati segrete e metterle sul web. Dobbiamo scaricare riviste scientifiche e caricarle sulle reti di condivisione. Dobbiamo lottare per la Guerrilla Open Access.

Se in tutto il mondo saremo in numero sufficiente, non solo manderemo un forte messaggio contro la privatizzazione della conoscenza, ma la renderemo un ricordo del passato.

Vuoi essere dei nostri?

Luglio 2008, Eremo, Italia

(tradotto in italiano da Silvia Franchini, Marco Solieri, elle di ci, Andrea Raimondi, Luca Corsato)

 

Domani al Teatro Valle Occupato, nell`ambito dei Commons Cafe`, parliamo , insieme a Juan Carlos de Martin del Centro Nexa su Internet e Societa, del Guerrilla Open Access Manifesto, della tragica morte di Aaron e delle domande che ha sollevato in tutto il mondo che riguardano l`accesso al sapere e il diritto alla condivisione della cultura prodotta con fondi pubblici.

“E` giusto tenere sotto chiave e distribuire a pagamento la conoscenza scientifica frutto della ricerca universitaria pubblica? Chi veramente guadagna dalle piattaforme a pagamento come JSTOR, gli autori o gli editori?

Come disseminare la conoscenza online? Come garantire il diritto all`accesso al sapere e alla sua condivisione, allo stesso tempo salvaguardando gli autori? Come puo la ricerca scientifica sopravvivere, se viene distribuita gratuitamente online?
Si possono cambiare, oggi, leggi sulla circolazione e la distribuzione del sapere che appaiono obsolete nel mondo digitale? Esistono nuovi modelli di finanziamento della conoscenza, che rendano competitiva l`universita nel mondo digitale senza bloccare l`accesso pubblico al sapere?”