Con la rivoluzione, nonostante tutto..

Voglio ripubblicare qui il testo di Elias Khoury, apparso su Al Quds, tradotto splendidamente in italiano da Caterina Pinto e apparso su SiriaLibano: “Con la rivoluzione nonostante tutto”.

Non e` solo un testo poeticamente bellissimo. E` un testo politicamente chiaro. Ci ricorda che la rivoluzione siriana e` dei siriani, e` figlia del loro diritto ad autodeterminarsi, a credere nella dignita` e nella giustizia, e a non sottomettersi a un regime mafioso.

A chi giustifica Assad con la scusa del laicismo, della stabilita`, della “pace”; a chi lo ammira per il suo pugno di ferro, per la sua abilita` a stare in sella dopo quasi due anni di rivolta; a chi oscilla ed esita a prendere una posizione chiara proprio perche rapito dalla sua capacita` di non cadere, di mantenere il potere; Khoury ricorda che e` la violenza, la brutalita` che questo regime comprende, non la politica.

A chi insiste con la narrativa della cospirazione, due anni di cospirazione in cui il popolo siriano sarebbe stato unito con il suo leader contro le fabbricazioni occidentali e del Golfo, Khoury ricorda di chi e` sceso in piazza, di chi ha pagato con il sangue la voglia di liberta`..Gente come Ghiyat Matar, che distribuiva rose e acqua durante le manifestazioni (e il suo compagno fraterno Yahya Shurbaji e` ancora in galera, dall`Ottobre del 2011..dopo tante amnistie e scambi di prigionieri, gli attivisti pacifisti non vengono liberati, e c`e` da chiedersi perche` questo, se il regime veramente gode dell`appoggio incondizionato del suo popolo..).

Credo che i semplici, ma puntuali argomenti di Khoury (e anche le sue giuste critiche all`opposizione), servano a ricordarci tante cose che, dopo quasi due anni dall`inizio delle proteste in Siria e troppo lavaggio del cervello mediatico, ci siamo purtroppo dimenticati.

 

 

CON LA RIVOLUZIONE, NONOSTANTE TUTTO…

di Elias Khoury, traduzione di Caterina Pinto

Nonostante la frustrazione, nonostante la confusione politica in cui versa l’opposizione, nonostante l’assenza di coordinamento tra le unità dell’Esercito libero, nonostante la presenza della Jabhat al Nusra. Nonostante gli errori, le falle e le posizioni ambigue. Nonostante il rifiuto del mondo di sostenere il popolo siriano, nonostante il ritardo della risoluzione militare e lo scompiglio politico. Nonostante il fastidio delle dichiarazioni televisive. Nonostante tutto, sono con la rivoluzione siriana.

Speravo che il regime tirannico di Asad cadesse a Daraa, dinnanzi alla sacralità del sacrificio di Hamza al Khatib.
Speravo che i fiori di Ghiyath Matar e le bottiglie d’acqua che distribuiva ai soldati trionfassero e il regime cadesse senza perdite.
Speravo che il grido di Homs e le canzoni di Qashush e le decine di migliaia che hanno occupato le strade con le gole e le mani levate in segno di sfida pacifica bastassero.
Speravo che le armi non si sollevassero di fronte alle armi, e che la volontà popolare riuscisse a risvegliare le coscienze di coloro che non hanno coscienza e paralizzasse le loro mani prima che potessero fare fuoco.

Speravo, e spero ancora.

Ma il regime brutale, mafioso, piovresco che Asad padre ha costruito e che lasciato in eredità a suo figlio, ha deciso di affrontare il popolo fino alla fine.
“Asad o nessun altro”, “Asad o bruciamo il Paese”, “Asad per sempre”: sono questi gli slogan del regime tirannico che si è abituato a comportarsi come se la Siria fosse un regno beatificato nel suo nome. Gli aerei sono ovunque e l’omicidio è ovunque.

Il regime non ha altro obiettivo se non la sopravvivenza, il cui presupposto è l’umiliazione del popolo. Non è vero che l’obiettivo della repressione portata avanti dal regime a partire dallo scoppio della rivoluzione è abbrutire il popolo siriano e distruggere il tessuto sociale.

L’abbrutimento è iniziato nel momento in cui il potere è diventato un mostro senza senso, che si è separato con tutto il suo apparato repressivo dalla società e si è comportato come una forza di occupazione brutale e senza ritegno.
Quello cui assistiamo oggi è la generalizzazione di questo abbrutimento e il suo mutamento nell’unico mezzo per interagire con la società, affogando il popolo nel sangue e trasformando la costruzione in distruzione.

I discorsi su una soluzione politica della situazione siriana sono polvere e perdita di tempo. Perché questo regime non capisce la politica, se non come un gioco sul ciglio del baratro della morte. Elimina i suoi avversari politici, uccide i simboli della società, poi permette a chi rimane in vita di trarre la lezione, ovvero abituarsi a inchinarsi, a tacere e a obbedire.

In compenso, però, rivela grande professionalità a livello della politica estera, regionale e internazionale: si inchina, mercanteggia, vende e compra per tutelare la sua sopravvivenza. Abbatte un aereo turco, ma si piega di fronte all’aereo israeliano. Sostiene Hezbollah, ma non trasgredisce le intese sui confini sicuri tra Siria e Israele, si comporta da pecora o da tigre a seconda degli equilibri di forza. Ma la sua capacità di manovra regionale e internazionale dipende dalla misura in cui riesce a tirar completamente fuori la società siriana dall’equilibrio politico.

Quando i siriani hanno infranto il muro della paura e sono usciti dall’ampolla della repressione, il regime si è rivelato nella sua forma di mafia che parla soltanto la lingua del crimine. Perciò è evidente che qualsiasi discorso su una soluzione politica con il regime è una mera illusione e un appello alla fiacchezza e all’inazione. Perché esso non comprende la politica interna, se non nella sua forma di non politica, ovvero distaccando le persone dalla politica e riportandole alle catene della loro schiavitù.

La situazione in Siria è tragica e il dolore dei siriani ha superato la soglia di quanto è sopportabile, ma il presupposto per mettere fine alla tragedia è la caduta del regime. Qualunque altro discorso è mera illusione. Ècomprare un miraggio. Fino a quando la famiglia Asad rimarrà al potere, continuerà a fare il leone[1] con il popolo. Il presupposto del suo potere è l’annientamento della volontà della gente e non accetterà di dividerlo con nessuno. La mafia potrebbe arrivare a una soluzione in cui condivide l’autorità con un’altra mafia, ma non può fare un accordo con la legge e il diritto.

Il presupposto per mettere fine alla tragedia e alleviare la sofferenza è la caduta del regime, ma questo non vuol dire affatto che la rivoluzione non si impegni in politica, ovvero non faccia manovre, accumuli vittorie, e parli con un linguaggio logico che limita il regime degli assassini.

Questo non è un appello a negoziare con Asad: l’unico luogo per dialogare con il carnefice è il tribunale, dove il figlio e il signore del regime deve riconoscere i suoi crimini.
Ma è un appello a costruire una strategia di azione politica che limiti gli alleati del regime, e in particolare, il suo alleato russo che si è adoperato così intensamente a occultare i crimini, da esserne diventato complice.

E questo richiede all’opposizione di guarire da tre malattie.

La prima è la malattia del dubbio nei confronti di tutti. È una malattia che è venuta dall’epoca della tirannia, quando il regime è riuscito a far dubitare anche del proprio fratello. Questa malattia è mortale, perché reca la possibilità che l’opposizione diventi l’altra faccia del regime tirannico.

La seconda è la malattia del predominio. Il predominio, non il potere, perché la lotta è per l’illusione. Smettete di lottare per il predominio, per poter vincere la lotta per il potere con il regime.

La terza è la correzione del concetto di leadership, perché i leader non possono semplicemente vivere in Siria e partecipare alle preoccupazioni del popolo, ma devono anche essere capaci di assumere posizioni, condannare gli errori e correggere il tiro del fucile qualora si trasformi in uno strumento per azioni da shabbihae intimidazioni.

Nonostante tutto, tutti i siriani e tutti coloro che credono nel diritto del popolo siriano alla libertà devono essere uniti riguardo alla rivoluzione.

Non aspettate una soluzione dall’esterno, né il petrolio del Golfo, né le promesse dell’America, perché la rivoluzione siriana è più grande di chi la guarda come se mendicasse la vittoria e di chi non ha creduto un giorno nel diritto degli arabi a una vita dignitosa.

Il popolo siriano vincerà perché se lo è meritato con sacrifici enormi. E quando la Siria tornerà alle siriane e ai siriani, il Levante arabo intraprenderà il cammino per recuperare la sua voce e la sua presenza.


[1] Gioco di parole con Asad che vuol dire “leone” [N.d.T].

Advertisements

One thought on “Con la rivoluzione, nonostante tutto..

  1. hello there and thank you for your info – I have definitely picked
    up anything new from right here. I did however expertise a few technical
    issues using this website, since I experienced to reload the web site lots of times previous to I could
    get it to load properly. I had been wondering if your web hosting is OK?
    Not that I am complaining, but slow loading instances times
    will sometimes affect your placement in google and
    can damage your high-quality score if advertising and marketing with Adwords.
    Well I’m adding this RSS to my e-mail and could look out for a lot more of your respective interesting content. Make sure you update this again soon.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s