Siria, media e politica

Oggi alle ore 14 alla LUISS di Roma presento una monografia da me curata per Arab media report dal titolo “La fiction siriana.Mercato e politica della televisione nell’era degli Asad”.

copertina-siria300dpi-spot_post15March2011-300x300

Parleremo di politica, mercato, strategia mediatica del regime di Bashar al-Asad nell`ultima decade, fino allo scoppio dell`intifada del marzo 2011. Cerchero` di spiegare perche` non e` cosi` facile classificare i media sotto Asad figlio come semplice “propaganda”, ma come invece dietro questi contenuti esista un progetto seducente, apparentemente progressista e illuminato, di grande appeal per i mercati, quasi neoliberista.

Qui le info per partecipare all`evento.

Sul sito di Arab Media Report una preview della monografia e alcuni video estratti da “Wilada min al-khasira” parte terza, musalsal prodotta nel 2013 che affronta in modo molto diretto il tema della rivoluzione in Siria e i motivi per cui e` scivolata in una sanguinosa guerra civile.

 

 

 

 

Per maggiori informazioni su questa musalsal in particolare, potete leggere un articolo da me firmato per Arab Media Report oppure dedicarvi alla lettura di “La fiction siriana. Mercato e politica della televisione nell`era degli Asad”. Per informazioni su dove trovare la monografia potete scrivere ad arabmediareport.redazione@gmail.com.

 

Qui di seguito la recensione della monografia firmata da Luciana Borsatti per AnsaMed.

Libri: le soap opera siriane e la fabbrica del consenso per l’Assad riformista

Popolari nel mondo arabo, consacrano l’immagine progressista del presidente

di Luciana Borsatti

(ANSAmed) – ROMA – L’industria della soap opera siriana è una fabbrica di consenso per l’immagine di presidente riformista con cui Bashar al Assad si è sempre identificato, proponendosi anche come elemento critico degli elementi più conservatori, corrotti e repressivi del suo stesso sistema di potere. E’ quanto emerge dal libro di Donatella Della Ratta ‘La fiction siriana. Mercato e politica nella televisione nell’era degli Asad, edito da Arab Media Report (pp. 64, 10 euro).

L’autrice, che sta facendo la specializzazione post-dottorato all’università di Pennsylvania, ha alsuo attivo varie pubblicazioni sui media nel mondo arabo alle spalle. Ha condotto la sua ricerca vivendo a Damasco dal 2007 al 2011.

“Esiste una sorta di ‘affinità elettiva’ fra una classe di intellettuali, artisti e filmaker, illuminata e laica – scrive l’autrice – e la classe politica della ‘nuova guardia’ salita al potere all’inizio del 2000 con Assad figlio, impegnata a portare avanti un progetto apparentemente riformista e progressista.

Queste élites hanno stretto un patto di ferro, con lo scopo di educare una società da entrambe ritenuta incapace – se non attraverso un processo graduale e attentamente controllato da minoranze illuminate – di uscire da una supposta arretratezza sociale e culturale”. E il mezzo su cui si è più investito per questo sono state appunto le soap-opera (‘musalsalat’), fiore all’occhiello della produzione culturale siriana, acquistate e viste in tutto il mondo arabo. Serie tv prodotte per il massimo dell’audience del mese del Ramadan, e che trattano di temi tabù quali l’estremismo, il terrorismo, la libertà della donna, il dialogo interreligioso e di tutti gli argomenti più scottanti nelle società arabe contemporanee. E anche, proprio nel caso siriano, degli aspetti più critici del sistema, dal ruolo repressivo dei servizi segreti all’invasività della corruzione.

Tanto che lo stesso presidente Bashar al Assad, coerentemente con il riformismo politico che gli si attribuiva, interveniva personalmente per far loro superare le barriere della censura.

Quanto i temi toccati fossero e siano tuttora delicati emerge anche dagli stralci di queste serie tv che compaiono sul sito di Arab Media Report, e che fanno riferimento proprio alle proteste che dal 2011 hanno innescato la crisi ora degenerata in una sanguinosa guerra civile. Sequenze che fanno intuire come la struttura di potere nella Siria di Bashar al Assad sia tutt’altro che monolitica, ma composta di diverse articolazioni che possono non comunicare fra loro, e di elementi accusabili di essere i responsabili del degrado del Paese. Ma in queste ricostruzioni narrative il presidente Assad non è mai nominato, a salvaguardia appunto della sua immagine di riformatore che non ha avuto il tempo di implementare le sue riforme, ”unica autorità in grado di guidare le Siria verso la modernita”, oltre che di salvaguardarne la multiculturalità e multireligiosità.

Significativo inoltre non solo il fatto che l’industria delle ‘musalsalat’ siriane abbia continuato a produrre anche in piena guerra civile (tanto da essere trasmessa nel Ramadan del 2013), ma anche che le tv del Golfo abbiano continuato ad acquistare le fiction siriane anche nel momento in cui i poteri politici che si celano dietro le grandi rete panarabe, in particolare Arabia Saudita e Qatar, decidevano di schierarsi contro Assad e armare le milizie contro di lui. (ANSAmed).

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s